Adriano Lio: “I cambiamenti partono da noi”

Vi riportiamo di seguito una bellissima riflessione scritta da Adriano Lio (nella foto), Owner e CEO di Liò Factory.

Vorremmo condividere con Voi qualche riflessione sul momento che stiamo vivendo.

Oggi più che mai Liò sente di portare avanti quello che da sempre ci accompagna nel cuore e nell’anima del nostro lavoro.
In uno scenario, come quello attuale di profondi mutamenti, dove l’incertezza la fa da padrone, dove l’emergenza sanitaria è diventata sociale, economica e psicologica, e dove le preoccupazioni sono soprattutto di carattere collettivo, riteniamo sia importantissimo per tutti salvaguardare il nostro bel Paese, la nostra manifattura, la nostra filiera di produzione.
Ora più che mai la nostra scelta di rimanere ancorati in Italia con la nostra produzione si sta rivelando quella più giusta. Assolutamente, fortissimamente e con sempre maggiore consapevolezza.
Il Made in Italy non è solo estetica, design, bellezza, il Made in Italy è soprattutto artigianalità pura, tradizione e attenzione massima per ogni singolo pezzo, è sicurezza e salubrità delle materie prime, poiché tutto ciò che viene impiegato per la produzione deve avere origine certa e ottemperare ai requisiti delle normative italiane ed europee (CE) E’ pertanto rispetto rigoroso delle leggi, salvaguardia ambientale, tutela e garanzia dei diritti dei lavoratori e della sicurezza dei cittadini.

I CAMBIAMENTI PARTONO DA NOI!

Prima di essere produttori e rivenditori, siamo soprattutto consumatori; solo consumando prodotti italiani facciamo crescere il nostro Paese, creando posti di lavoro e un futuro per i nostri figli. I nostri diritti hanno un costo. Basti pensare all’attuale emergenza sanitaria; in Italia è garantita e tutti ne possono beneficiare. Questo ovviamente ha un valore aggiunto e un costo, che si ritrova nei prodotti marchiati Made in Italy, che acquistiamo.
Siamo convinti che l’Italia sia uno dei Paesi più belli al mondo e in questo attuale momento lo stiamo ancora una volta dimostrando. Il nostro Paese, a differenza degli altri Stati, ha messo avanti le persone prima degli interessi economici.
Noi per primi in provincia di Belluno, abbiamo vissuto molti anni fa sulla nostra pelle, con l’immane tragedia del Vajont, cosa significhi anteporre gli interessi privati ed economici alla salvaguardia delle vite umane.
…e come dopo ogni grande guerra, il popolo si unisce e l’orgoglio per il nostro Paese risuona ancora più forte. Non a caso, i muri delle nostre città dopo la fine delle guerre erano imbrattati con la scritta “W l’Italia”
Nessuno si salva da solo. Salviamo l’Italia. Salviamo il Made in Italy.
VIVA L’ITALIA!
Adriano Lio