Ottica Ramoino: la professionalità va tutelata

Proseguono le inchieste di Vision.biz tra gli ottici italiani. Questa volta abbiamo fatto una chiacchierata con i titolari di Ottica Ramoino, una realtà di famiglia attiva da 25 anni situata nel centro storico di Sanremo. Orietta Trentinella e Massimo Ramoino (nella foto) sono infatti titolari di un punto vendita dalla forte identità locale e dalla solidissima tradizione.

ottica-ramoino-sanremo

“Mio suocero – ci racconta Massimo Ramoino – è stato uno dei primi ottici della provincia di Imperia e con lui ho iniziato il mio tirocinio.”  Oggi Ottica Ramoino è frutto della competenza e dell’esperienza di Massimo e Orietta che, con la figlia Nicole, portano avanti questa tradizione professionale.

ottica-ramoino-sanremo-1

“Siamo fortunati perché, nonostante la crisi, la nostra categoria resiste – ci spiega Orietta Trentinella – ma è diventato tutto molto più difficile per tanti fattori come, per esempio, l’esistenza dei premontati che rappresentano una concorrenza sleale, perché il premontato non è un vero occhiale ma viene venduto come tale. Sempre nell’ambito della concorrenza sleale, dobbiamo fare i conti non soltanto con i venditori ambulanti, ma anche con nuovi negozi che si definiscono ottici e sono in realtà outlet degli occhiali dove si vendono prodotti Made in China, spacciati per Made in Italy. Questo è un enorme danno sia economico, sia di immagine. La contraffazione dei prodotti e dello stile italiano rappresenta un grande problema. Noi crediamo fortemente nel Made in Italy e vorremmo ricevesse miglior tutela, così come auspichiamo maggior riconoscimento per il ruolo dell’ottico, dato che la nostra è anche una professione sanitaria. Sarebbero necessari una riorganizzazione del settore, una regolamentazione più attenta alle dinamiche del mercato e magari la creazione di un ordine professionale che protegga la categoria. Quando si ha a che fare con la salute, come nel caso dell’ottica, il titolo conta moltissimo. Non dovrebbe essere consentita la vendita di occhiali laddove non sia presente un ottico. Sarebbe auspicabile che le grandi aziende di ottica e occhialeria alzassero al voce sul fenomeno della concorrenza sleale, della contraffazione e sulla necessità di una organizzazione del settore.”

ottica-ramoino-sanremo-2

“La maggior parte della produzione di occhiali è in Italia – prosegue Orietta – e questo ha un significato. Noi siamo in centro a Sanremo e, oltre alla nostra fedele clientela locale,  abbiamo molti clienti stranieri soprattutto mittel/nord europei. Quando vengono da noi durante le vacanze, si fanno fare molti occhiali perché nei loro Paesi costano di più.  Il nostro marketing è spesso rivolto ai turisti: da molti anni a questa parte, affittiamo la vetrina all’Hotel Royal per tutta la stagione e mettiamo in esposizione i nostri prodotti. I riscontri sono sempre stati altissimi, ma quest’anno purtroppo abbiamo avuto pochi turisti stranieri. Dall’inizio della crisi, tuttavia, alcune aziende si sono mostrate comprensive. Se prima chiedevano di rispettare i budget, oggi l’atteggiamento è più ‘tranquillo’. L’azienda Maui Jim – per citarne una – ci è venuta molto incontro, altri purtroppo sono stati meno disponibili. Il problema della giacenza in magazzino è decisamente sentito dagli ottici e per noi sarebbe molto più semplice avere un 50% di merce in acquisto e un 50% in conto vendita. I tempi sono cambiati: una volta i brand erano meno numerosi e la loro produzione più contenuta, con pochi modelli e colori. Oggi c’è un sovraccarico di proposte, come nell’abbigliamento. I rappresentanti passano almeno 3 volte l’anno con nuove linee: il flash post natalizio, il flash post fiere ecc…! Noi abbiamo realizzato nuovi ordini quest’anno ma abbiamo preferito tenerne alcuni in standby e, in generale, ci siamo contenuti.”

ottica-ramoino-sanremo-3

“Per fortuna da fine aprile il business è ripartito bene e l’italiano medio ha speso – aggiunge Massimo. Qui a Sanremo molti turisti sono proprietari di seconde case da generazioni, perciò tornano regolarmente e la nostra clientela è affezionata. Siamo riusciti a fidelizzare clienti di varie fasce di età, grazie anche alle nostre figlie che promuovono il negozio. Abbiamo inoltre in programma la realizzazione di un sito con il nostro e-commerce. Bisogna puntare sulla qualità non sulla quantità, sia per le montature sia per le lenti. Se vendiamo una lente di qualità, sappiamo di non avere problemi col cliente e il fatturato alla lunga ne giova. Riusciamo ad accontentare tutti in base alle tasche ma vendiamo solo montature italiane. Per fortuna esistono molte realtà nel Cadore che, oltre a generare occupazione sul territorio, mettono sul mercato ottimi prodotti e forniscono un’assistenza eccezionale. Per quanto riguarda le lenti, la nostra clientela non risparmia e capisce che dove ci sono studio, innovazione e tecnica c’è un costo. L’evoluzione della tecnologia è, tuttavia, un’arma a doppio taglio: senz’altro ha incrementato la qualità del prodotto e favorito il contatto coi clienti – soprattutto in questo momento – ma poi ovviamente c’è il rovescio della medaglia, perché grazie alla tecnologia il cliente s’informa di più ma si fa anche ingannare dalla pubblicità e da offerte non veritiere. Talvolta su internet, o anche sulle riviste femminili non di settore, si vedono occhiali che in realtà non sono più in vendita. Alla fine però la delusione di fronte a un prodotto che non corrisponde alle aspettative gioca a nostra favore, perché il cliente torna da noi.”

ottica-ramoino-sanremo-4

Ottica Ramoino
Piazza Eroei Sanremesi, 15
Sanremo (IM)