Marcolin punta sul mercato cinese

Marcolin ha annunciato l’apertura di una nuova filiale a Shanghai.

L’azienda è presente sul mercato cinese da ben sette anni, attraverso una joint-venture con Ginko Group, storico operatore nel mercato eyewear locale. Secondo quanto ha reso noto l’azienda veneta, per rafforzare ulteriormente la propria presenza commerciale in Cina e, come parte di una più ampia strategia di consolidamento e di presenza diretta nei mercati chiave del mondo, Marcolin Shanghai supporterà più da vicino gli stakeholder locali, rispondendo più efficacemente e rapidamente alle esigenze dei consumatori. La nuova sede porterà ad un aumento della crescita organica dell’azienda sul mercato, garantendo allo stesso tempo la filiera produttiva e offrendo prodotti sviluppati specificatamente per il mercato cinese, grazie a una profonda esperienza dei processi di fitting e design e a una stretta collaborazione con i maggiori clienti del Paese. La nuova filiale ospiterà tutte le funzioni e i reparti aziendali, quali HR, Finance, Design, Vendite, Customer Service, Marketing e Filiera Produttiva.

Kevin Cheung, Head of Marcolin APAC, ha commentato: “La Cina sarà probabilmente una delle poche maggiori economie mondiali a espandersi nel prossimo futuro. Siamo entusiasti che la nostra azienda abbia deciso di investire qui con l’apertura di una nuova filiale, nonostante l’attuale periodo storico. Guardiamo con ottimismo al 2021 e agli anni futuri. La nuova sede coprirà l’intera Regione del Mainland China, in collaborazione con le altre filiali della Regione Asia Pacific: Hong Kong, Singapore e Sidney”.

La rete globale di Marcolin è formata da 14 filiali nel mondo, in Europa (Benelux, DACH, Francia, Italia, Paesi Nordici, Spagna, Regno Unito), Russia, America (USA, Brasile), Asia (Hong Kong, Shanghai, Singapore), Australia (Sidney), 2 joint venture (Messico, UAE).