Etnia Barcelona: proteggiamo tutta la filiera

David Pellicer, fondatore di Etnia Barcelona, racconta in un’intervista a Eye Book l’atteggiamento proattivo della sua azienda di fronte all’emergenza Coronavirus. E svela anche i progetti futuri del brand.

“La priorità è difendere il capitale umano, a ogni costo. In secondo luogo supportare i clienti, che rappresentano la nostra ragion d’essere. Come misura primaria abbiamo espanso i nostri piani finanziari per consentire più flessibilità riguardo ai pagamenti. Come azienda abbiamo il dovere di agire da traino, in modo che la ruota continui a girare e si riemerga tutti da questa situazione. E’ il momento di agire con misure straordinarie. Inoltre, la Fondazione Etnia Barcelona ha un progetto collaborativo per supportare le comunità più vulnerabili nello scenario post Covid.  Distribuiremo 150 mila paia di occhiali agli store d’ottica in modo che possano donarli alle famiglie bisognose della propria area.

Per quanto riguarda la sicurezza sanitaria della rete vendita, sappiamo che il consumatore ha bisogno di percepire un senso di massima tutela, per sentirsi a proprio agio mentre effettua acquisti. A questo proposito abbiamo messo in campo strettissime norme igieniche e di protezione. Quanto al nostro processo produttivo interno, abbiamo implementato gli strumenti digitali: l’utilizzo dello smart working  per la nostra forza lavoro è passato dallo zero al 90% in breve tempo. Inoltre, il nostro IT team ha permesso una straordinaria accelerazione del processo di digitalizzazione dell’azienda: grazie a strumenti avanzati possiamo garantire ai nostri clienti una shopping experience di qualità a distanza. Abbiamo sviluppato e attivato stanze di prova virtuale e chat con il nostro Customer Service per una consulenza in tempo reale. Stiamo inoltre elaborando nuovi format di presentazione dei nostri prodotti per incrementare la comunicazione digitale con i clienti. Sappiamo che il contatto umano e l’esperienza fisica sono insostituibili, ma stiamo provando a offrire il meglio e a mantenere i nostri servizi vicini al cliente, considerate le circostanze eccezionali.

Il Coronavirus ci ha costretto a dare un impulso maggiore ai nostri progetti per il futuro, il primo dei quali riguarda la protezione del canale degli store di ottica. A questo proposito abbiamo creato Drive to Store, un sistema che dirotta le vendite dal nostro sito ufficiale e dai nostri flagship direttamente al punto vendita di ottica. I clienti ottici sono nostri partner e siamo orgogliosi di poter inaugurare una collaborazione di questo tipo. Abbiamo anche un progetto di responsabilità ambientale chiamato Fuck Plastic: stiamo eliminando la plastica da tutti i nostri packaging sostituendola con materiali sostenibili. Il nostro impegno è quello di divenire, passo dopo passo, un brand sempre più impegnato nella lotta per l’ambiente.”

 

 

No Comments Yet

Leave a Reply

Your email address will not be published.

Noi e i nostri partner utilizziamo, sul nostro sito, tecnologie come i cookie per personalizzare contenuti e annunci, fornire funzionalità per social media e analizzare il nostro traffico. Facendo clic di seguito si acconsente all’utilizzo di questa tecnologia. Puoi cambiare idea e modificare le tue scelte sul consenso in qualsiasi momento ritornando su questo sito. Cookie policy Cookie policy